Rigma SRL – automazioni industriali

Saverio Mascolo racconta Rigma

Salve, sono Saverio Mascolo.

A me tocca ora di raccontarti (così mi hanno detto) in poche righe ciò che per me rappresenta una vita intera: Rigma, la mia azienda, l’azienda che io ho voluto, ideato, fondato, e che conduco tuttora, per fortuna oggi in compagnia di numerosi bravi collaboratori.

Una vita intera, dicevo, perché Rigma, che pure nasce ormai parecchi anni fa (era il 1978), era dentro di me, come desiderio, come molla, come idea, da sempre: da quando il pallino per la meccanica, da un lato, e l’amore per la libertà e l’autonomia, dall’altro, mi rendevano sicuro che – prima o poi – avrei fatto il passo, avrei creato un’impresa, la mia impresa.

Orario di Lavoro

Giovane e armato soprattutto di belle speranze. Sembra un luogo comune, ma il mio patrimonio, nel 1978, quando avviai l’impresa, era proprio quello: una grande energia e volontà , e l’idea che sarei riuscito a creare un’impresa di cui essere orgoglioso.

Ahimé, non sempre le idee si trasformano in realtà  al momento giusto: la nascita di Rigma infatti non è la storia di un successo immediato, tutt’altro.

Gli inizi vedono Rigma concentrata soprattutto nella produzione di particolari e ricambi per gli impianti dell’industria della ceramica (è da lì che viene il nome: Rig-Ma, rigenerazione macchine), che come ognuno sa a Sassuolo è particolarmente fiorente. Ma il desiderio era quello di produrre impianti pensati e ideati da noi per quell’industria. Così, mentre di giorno si lavora per produrre i particolari e i pezzi che ci vengono commissionati, di notte si lavora a un grande progetto, su cui puntiamo tutte le nostre carte: si tratta di un impianto originale, di una linea per la selezione della bicottura, fase particolarmente critica e costosa. Grazie al nostro impianto, l’industria della ceramica potrà  finalmente abbattere in maniera significativa l’alta incidenza di manodopera assorbita da questa fase di produzione.

È il 1980.

continua →